La sigaretta elettronica senza nicotina fa male?

Smettere di fumare è il desiderio di milioni di fumatori sparsi in giro per il mondo. Negli ultimi anni, lo strumento che ha tentato di rispondere a tale esigenza è la sigaretta elettronica. Nonostante l’e-cig sia ormai un prodotto di largo consumo, tiene ancora banco il dilemma circa la sua reale efficacia. Altri dubbi riguardano poi la possibilità che possa risultare nociva per la salute. Esiste, inoltre, un’ulteriore tipologia di e-cig, ovvero la sigaretta elettronica senza nicotina, utilizzata anche da non fumatori come strumento di svago ed oggetto alla moda.

La sigaretta elettronica priva di nicotina porta conseguenze negative?

Per rispondere ad una simile domanda è necessario fare riferimento ad una serie di studi clinici a riguardo. L’oncologo Umberto Veronesi, grande estimatore dell’e-cig, confermò che proprio la sigaretta elettronica senza nicotina è pressoché innocua per la salute. Per chi non lo conoscesse, il suo funzionamento è estremamente semplice. La resistenza, surriscaldata da una batteria, vaporizza il liquido che viene aspirato tramite un particolare beccuccio. Dunque ad essere aspirato è il vapore aromatizzato, per giunta assolutamente privo di nicotina.

Questo aspetto è fondamentale per comprendere la totale salubrità della sigaretta elettronica priva di nicotina. Quest’ultima infatti, è notoriamente la sostanza colpevole della dipendenza da fumo di sigaretta. Ma una volta eliminata, avremo solo a che fare con del liquido aromatizzato che non nuoce minimamente alla salute. L’aggiunta di una minima percentuale di nicotina è necessaria solo nel caso in cui si cerchi di smettere di fumare. Il liquido di base è essenzialmente una sostanza priva di colore e odore che può essere arricchita dai sapori più disparati, grazie all’ampia gamma di aromi disponibili attualmente in commercio.

I consigli sull’utilizzo per i principianti

Per coloro che utilizzano la sigaretta elettronica per la prima volta è consigliabile acquistare liquidi già pronti e confezionati, non cimentandosi in esperimenti per creare i propri liquidi in casa. L’elaborazione del liquido è un’operazione che va effettuata da mani esperte perché, nel caso in cui venga eseguita in modo errato, può produrre danni al dispositivo e soprattutto alla salute di chi la utilizza. Ma tornando all’impiego della sigaretta elettronica senza nicotina, eliminare tale sostanza di punto in bianco è davvero un’utopia. L’eliminazione della nicotina deve essere graduale, in modo tale da abituare l’organismo in modo lento, eliminando definitivamente la dipendenza. Un’ulteriore aspetto positivo della sigaretta elettronica senza nicotina è che, oltre a non nuocere la salute di chi la utilizza, non risulta dannosa anche in ottica di fumo passivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *